lunedì, Settembre 16, 2019
banner_cer
banner_unipace
gazebi_txt_3600
banner_grande_veritas

Mafia e istituzioni, Gratteri: Chiesa migliore, dai governi finora mai sistema giudiziario adeguato

Di Cesare Minniti 

7 Settembre 2019, Reggio Calabria.

“Dall’86 ad oggi ancora aspetto un governo che abbia la volontà, la libertà e il coraggio, nel rispetto della Costituzione, di creare un sistema giudiziario adeguato proporzionato alla realtà criminale”

Al “Premio Internazionale della Bontà”, tenutasi sabato scorso nella chiesa della Candelora, Gratteri risponde anche su chiesa e ‘ndrangheta.

Il procuratore della Repubblica di Catanzaro, riconosciuto come uno dei maggiori protagonisti della lotta contro il crimine organizzato in Italia, di certo non dimentica dei sacerdoti martiri della picciotteria, a partire dai primi due uccisi all’inizio del ‘900 a Reggio per essersi opposti ai criminali (ne ha parlato in più di un’ occasione) ma molti preti e vescovi hanno finora “chiuso un occhio o anche due” di fronte alla malavita. Molto è cambiato dagli atti di scomunica di papa Francesco a partire dal 2014.