giovedì 4 Giugno 2020
banner_cer
UNIPACE_OK
gazebi_txt_3600
banner_grande_veritas

CALABRIA – Aceto, Coldiretti: accolte le nostre richieste: c’è la proroga delle domande PAC

Detto fatto! E’ bastata mezza giornata e su imput dell’Assessore Gallo  con una tempestività da record, il Dipartimento Agricoltura nella persona del Direttore Generale Giovinazzo ha predisposto e firmato Decreto n.5107 che, per quanto riguarda le procedure per la presentazione delle domande di pagamento, annualità 2020 del PSR, consente di presentarle fino al 10 luglio enon entro il 15 giugno, senza alcuna applicazione di riduzioni o penalità. Il presidente della Coldiretti Calabria Franco Aceto commenta molto positivamente questa proroga che garantisce stabilità e certezza agli agricoltori, che devono avere la possibilità di recuperare l’attuale situazione di crisi da Covid-19 e hanno quindi regole certe e tempi adeguati per prepararsi alla una nuova Pac. Il ruolo che la PAC rappresenta per le imprese in materia di sostegno ai redditi e all’occupazione agricola è importante in una regione come la Calabria, permettendo la salvaguardia di un settore strategico per la tutela del nostro territorio e la valorizzazione delle grandi eccellenze locali. La proroga concessa in questo momento è un fattore di stabilità – continua Aceto – oltrechè necessaria sia per gli aspetti organizzativi che per garantire alla nostra agricoltura le risorse essenziali, e confidiamo anche straordinarie, per continuare a rappresentare un motore di sviluppo che potrà contribuire a portare il nostro territorio fuori dalla crisi che l’ha colpito. Diamo atto –conclude il presidente di Coldiretti Calabria – che sin dall’insediamento della Giunta, nella distinzione dei rispettivi ruoli, si sta lavorando intensamente ed in modo proficuo con uno stretto rapporto con l’assessore e il Dipartimento agricoltura, adottando, sia immediate soluzioni pragmatiche che di prospettiva, nella comune convinzione di raggiungere obiettivi significativi che fanno anche ben sperare per il futuro”.                   

Ufficio Stampa Coldiretti Calabria