“L’impegno e la costanza dimostrate dal Senatore di Forza Italia Marco Siclari meritano un plauso e tutto il sostengo del partito”.
Con queste parole il Responsabile  Enti locali per l'ambito territoriale provinciale della Città Metropolitana di Reggio Calabria, l'Avv. Vincenzo Barca commenta la presa di posizione del Senatore Siclari che, raccogliendo la segnalazione di Nuccio Pizzimenti, operativo e attento alle problematiche della Città Metropolitana, ha presentato un’interrogazione parlamentare per chiedere conto dell’operato del Sindaco Falcomatà e del Presidente della regione Oliverio.
“La gestione fallimentare del Sindaco Falcomatà è arrivata a picchi eclatanti. Questa della metanizzazione è solo l’ultima distrazione imperdonabile in ordine di tempo ma Forza Italia non resterà a guardare. Ringrazio Nuccio Pizzimenti per il suo contributo fondamentale, il Consigliere comunale dott. Pino D'Ascoli e il Senatore Siclari per aver preso a cuore le istanze del territorio. L’era Falcomatà è conclusa ormai da tempo adesso tocca a nuove energie e forze politiche scendere in campo per dare nuova linfa alla città”, bene ha fatto Pizzimenti a chiedere il voto anticipato per uscire fuori dal tunnel, Reggio Calabria ed i reggini tutti devono voltare pagina. Ormai la Città Metropolitana con i suoi cittadini, ha concluso Barca, in merito alla (mala) gestio politica di Falcomatà si è divisa in due parti, i piu ottimisti fischiettano il brano Tapis roulant del noto e bravo cantautore reggino Aufusto Favaloro che é diventato il tormentone della movida reggina; mentre quelli più  pessimisti non fanno che parafrasare il titolo di un noto film del grande Massimo Troisi: "Non ci resta che piangere".

Ancora iniziative a livello regionale ed ancora un momento per la valorizzazione delle eccellenze creative calabresi. Anche in estate, non poteva non mancare l’ennesima collaborazione tra la città di Reggio Calabria e la città di Catanzaro e, questo lo si deve alla lungimiranza dei due presidenti de “Le Muse” ed “Arte Club Accademia”: Giuseppe Livoti e Marisa Scicchitano.

Un cammino insieme che, propone di volta in volta una scelta specifica, dove il -site specific-, il sito come momento di interazione con la realtà, diventa parte integrante di un percorso univico.

Nei giorni scorsi si è tenuta la presentazione di  “Cromie vegetative…tra lenzuoli e ombrelli d’artista” – collettiva dal sapore ready-made che vuole andare a creare interazione urbana in particolari centri storici.

Questo primo appuntamento si terrà domani mercoledi 22 dalle ore 20 in poi e gode del patrocinio morale dell’amministrazione comunale di Amantea. Nel centro storico ed esattamente a Piazza Cappuccini – Corso Vittorio Emanuele nell’ambito degli eventi culturali della cittadina vi sarà l’inserimento di lenzuoli ed ombrelli d’artista. Una perfomance di bambini invece aprirà l’evento, con la decorazione di ombrelli realizzati per l’occasione ed alla fine andranno a completare l’interessante installazione che corpirà i cieli di Amantea. Ogni pittore ha realizzato dipingendo, il proprio messaggio collegato alla natura ed all’ambiente in lenzuoli divenuti per l’occasione, fondali scenografici con rappresentazioni che ricordano la flora ed ombrelli rivitalizzati, sempre con la medesima tematica. Tali oggetti così costituiranno una inedita installazione, attraverso grandi composizioni polimateriche che andranno a costituire delle quinte aeree. Inoltre insieme a tale momento presso lo spazio scientifico della dott.ssa Valeria Tomaselli, una mostra del mini quadro, 20x30 per piccole tele dove ogni artista ha realizzato una rappresentazione di un particolare erbario, come se fossero pagine estrapolate da un testo, un erbario per ricordare quel libro, ricco di illustrazioni miniate, che descriveva l'aspetto, le proprietà medicinali, la raccolta o la semina delle piante usate in medicina  definiti erbari figurati. Un ritorno al passato dunque, tanto per ricordare il primo erbario conosciuto, quello di Dioscoride, medico di origine greca che nel I secolo d.C. venne a Roma e scrisse il De materia medica, divenuto prototipo di tutti gli erbari successivi. Per la presidente di Arte Club Marisa Scicchitano un ennesimo momento che promuove quella Sud’arte che da anni caratterizza l’arte calabrese, riunendo non solo giovani generazioni ma anche artisti di chiara fama. D’altra parte l’attività sia de Le Muse che di Arte Club serve per promuovere nelle loro città di appartenenza gruppi di artisti, liberi da individualismi che condividono scelte tematiche, volte anche alla promozione del senso del “bello di natura”.

Appuntamento dunque al 22 agosto per l’inaugurazione alle ore 20 con l’introduzione sull’importanza delle erbe officinali dell’esperta Valeria Tomaselli e la presentazione critica di Giuseppe Livoti. Partecipano all’evento: Graziella Colistra, Ornella Cicuto, Pina Calabro’, Antonella Lagana’, Lia Antonini, Mirella Bruni, Ileana Mauro, Gabriella Sestito, Mimma Gallelli, Lia Antonini, Graziella Colistra, Pierfilippo Bucca, Francesco Logoteta, Grazia Papalia, Santina Milardi, Marisa Scicchitano, Maria Di Stefano, Gabriele Marsico, Michelle-li Bellisario, Adele Leanza, Angelo Meduri, Mimma Gorgone, Rossella Marra, Cristina Benedetto.  

Che l’introduzione delle raccolta differenziata porta a porta ha portato non pochi disagi a Reggio Calabria è sotto gli occhi di tutti, o meglio, è sotto il naso di tutti. Tra l’inciviltà dei cittadini, il cattivo servizio non sempre puntuale che sta offrendo l’AVR, le scarse risposte all’ormai annoso problema da parte degli amministratori comunali, la città si sta trovando sotto cumuli di spazzatura.

Tuttavia singolare è la vicenda che ha colpito la sezione “R. Sardiello” sede del Partito Repubblicano Italiano di Reggio Calabria, sita in via Rausei. Un cittadino, chiamiamolo “lordazzo” per rifarci alle ormai famose dichiarazioni di Falcomatà, ormai da settimane ha preso l'entrata della sede del Partito come sua personale pattumiera. I primi sacchi abbandonati risalgono a due settimane fa, da me personalmente rimosse perché oltre ad ostruire l’entrata in sede, occupavano l’intero marciapiede ed ostacolavano il passaggio dei pedoni, cosa che mi sono rifiutato di fare la scorsa settimana, precisamente il 13 Agosto, segnalando puntualmente agli organi competenti il disagio che qualcuno stava creando al mio Partito, ammesso che di segnalazione ce ne fosse bisogno visto che accanto ai rifiuti abbandonati c’erano i mastelli delle abitazioni, e sono sicuro che per quanto distratti possano essere i netturbini, il cumulo non era tale da passare inosservato. Una settimana dopo, quindi lunedì 20 Agosto, non solo scopro che l’AVR non è intervenuta, ma che il nostro “lordazzo” ha continuato imperterrito la sua attività, lasciando insieme alla vecchia immondizia anche una doccia, ferraglia varia e altri sacchi di spazzatura.

Non è possibile che mentre il mondo corre a Reggio si deve ancora parlare di spazzatura. La sede del mio Partito è solo uno dei tanti luoghi deturpati da qualche incivile. Le zone scoperte dalla raccolta porta a porta che hanno ancora le vecchie pattumiere, come ad esempio parte dell’ex. XII circoscrizione, sono colme e stracolme di spazzatura che i cittadini portano appositamente da ogni angolo della città per evitare la differenziata e/o il ritiro dei mastelli! Caro Sindaco e cara giunta, è superficiale affidare tutte le colpe al cittadino che magari con una buona, sana e costruttiva terza elementare, e con qualche sanzione, la smetterebbe di comportarsi in talo modo. La bolletta è cara e la città è sporca.

 

DEMETRIO GIORDANO

Segretario cittadino P.R.I.

Sezione “R.Sardiello” – Reggio Calabria

Nello scorso consiglio comunale, su proposta delle minoranze, e' stato approvato un ordine del giorno con il quale si istituiva una commissione speciale con la finalità di mettere in piedi un percorso condiviso ed incisivo da contrapporre alla inopinata decisione della Regione Calabria di riaprire la discarica di Comunia. Della commissione avrebbero dovuto far parte i rappresentanti dei gruppi consiliari, delle associazioni e dei cittadini. Si è quindi deciso ciò che a più riprese e da più parti era stato richiesto: dare centralità al consiglio comunale per avere più forza nelle sedi deputate a discutere di una decisione che si interseca necessariamente con lo sviluppo del nostro paese. Si è addirittura migliorata tale prerogativa , in quanto, grazie all'insistenza delle minoranze, all'interno della commissione ci saranno anche gli stakeholder della nostra comunità. Ad oggi la volontà del consiglio non è stata rispettata; la commissione non è stata istituita. Non può il periodo ferragostano far si che si metta in soffitta una problematica di così tanta importanza! Continuare con questo atteggiamento omissivo non aiuta per niente. Non possiamo accettare il silenzio dell'amministrazione dopo aver subito l'onta di non essere stati rappresentati dal nostro sindaco nelle conferenze dei servizi tenutesi nei mesi scorsi. Avete preso qualche iniziativa? Qual'e' la strategia che avete in mente? Avete valutato la tempistica necessaria per opporsi alla decisione della Regione Calabria? Le amministrazioni dissenzienti possono, nei dieci giorni successivi alla notifica della decisione, ricorrere alla presidenza del consiglio dei ministri? 
Domenico Mallamaci (consigliere "E'Vento di Futuro")

l libro dal titolo “Il Sacco del Sud D’Italia- L’imperante ideologia settentrionale una linea separa e unisce” di Edoardo Corrado Mollica ed edito da Calabria letteraria editrice, sarà presentato mercoledì 22 agosto alle ore 19:00 presso il Circolo di Società di Reggio Calabria. L’incontro che sarà moderato da Raffaele Mortelliti. Interverranno l’autore Edoardo Corrado Mollica e Pino Aprile.

Editore: Cooperativa Soc. Turismo Per Tutti - Via Trapani Lombardo, 35 Gallico Reggio Calabria 89135 Italy
Tel: 0965.371156 - Cell: 393.975689
Quotidiano Registrato Al Tribunale Di Reggio Calabria N. 7 Del 28.09.2015
© 2015 - 2018 VeritasNews24
Tutti i diritti sono riservati

Search