RUBRICA MENT-IRE - Perfetti Sconosciuti: anche questo è normale

Sabato, 02 Luglio 2016 15:51 Published in MENT-IRE Read 540 times
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 

Di Pasquale Romeo - Psichiatra - www.pasqualeromeo.it

VECCHI MITI

1. Il normale rispetto dei ruoli.
2. La capacità di contenimento di emozioni della famiglia.

NUOVI MITI

1. Il nuovo rapporto relazionale trasformato dalla tecnologia.
2. Un overflow di informazioni dato dalla rete.
3. Una connessione continua che vieta la privacy familiare.
4. Trasformazione del focolare domestico in incendio domestico con conseguenze particolari e sicuramente cruente.

Per citare un noto film attuale alla stesura di questo libro ovvero Perfetti sconosciuti esiste oggi un pubblico ed un privato come è sempre esistito, ma la società multitasking ha anche aggiunto un luogo segreto.

Il segreto appartiene alla nascita di u nnuovo tipo di  identità che non è più solo una monolitica pietra, ma invece multiforme, cangiante, variopinta, oltre il limite, grazie alla virtualità.

Pur essendoci una identità dominante, la tecnologia ha consentito lo sviluppo di vite parallele che creano delle piccole identità, dove si realizza un luogo segreto che prima o poi scoppia creando nelle coppie, nelle amicizie ed in qualsiasi rapporto umano delle altisonanti verità, trasformando il pensiero forte in pensiero debole.

Una società multiforme, che vive continuamente il suo carnevale di Rio e che è passata da uno a nessuno e centomila, con grande facilità, accellerata dalla tecnologia, camminando sul ghiaccio sottile a grande velocità, il problema consiste nel fermarsi,  si rischia di sprofondare nell’acqua gelata.

Abbiamo perso piano il senso di ogni relazione e il buonismo e la comodità degli anni Ottanta e Novanta ci hanno fatto pensare che ogni relazione è scontata.

Forse è normale incentivarla, costruirla, impegnarsi sulla stessa, coltivarla?

Ogni relazione è un impegno, nel momento in cui la diamo per scontata, finisce.

La perdita del sudore e del sacrificio in ogni relazione è l’inizio della fine. Adagiarsi sui rapporti umani, tenerli così come sono, senza investire più niente, senza metterci energia ma dando per scontato in modo narcisistico che tutto vada bene porta  piano piano fino alla dissoluzione.

Il modo miglior per capire che cosa è una relazione dovrebbe essere vivendola dalla fine, solo da quella parte si capisce cosa è andato storto, ogni relazione coniugale dovrebbe iniziare dal  divorzio.

1 comment

  • Comment Link Sabato, 09 Luglio 2016 18:04 posted by Nicola Ranieri

    Bravo! La tua chiave di lettura profonde attenta mi trova perfettamente d'accordo. Il mondo degli adulti e' ormai precario. E, ci stiamo avvolgendo su un cerchio meramente tecnologico e sempre più piccolo; gli strumenti indispensabili per la salvezza della salute mentale dei piccoli si stanno rapidamente perdendo. Un abbraccio Nicola Ranieri

Lascia un commento

Assicurati di inserire le informazioni necessarie ove indicato. Il codice HTML non e' consentito.