REGGIO - Caduta alberi in Via Marina. Come preannunciato, oggi è toccato alle palme.

Venerdì, 11 Agosto 2017 20:01 Published in Reggio Comune Read 374 times
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

di C.M.

Ancora una volta, sfiorata la tragedia. Un'altro albero è crollato in Via Marina, nel pomeriggio di oggi, rischiando di travolgere le auto, ma soprattutto i pedoni in transito sui marciapiedi interessati dall'impatto.

Non è passato nemmeno un mese, da quando, il 14 Luglio, un ramo enorme di ficus macrophylla è crollato sul gazebo di una famosa gelateria in Via Marina, frantumando il pino che fuoriusciva dalla copertura del ritrovo e schiacciando la parte anteriore del ritrovo, vuoto, ma frequentatissimo poche ore prima.

Anche in quell'occasione, il nostro giornale lanciava l'allarme sul pericolo rappresentando da un'altra specie diffusissima sul chilometro più bello d'Italia: "Sono centinaia gli alberi pericolanti e VeritasNews24 ha fatto un giro nell'ex Eden - oggi giardino degli orrori - per informare sulle altre bombe ad orologeria. Sono infatti decine le  palme, alte più di dieci metri, letteralmente svuotate all'interno e tenute su unicamente dalla corteccia. Colpite pochi anni fa dalle invasioni di punteruolo rosso, non sono mai state curate come patrimonio storico di Reggio, mai rimpiazzate da altre piante per riguardo alla bellezza del luogo, e mai (nemmeno questo) abbattute a garanzia della pubblica incolumità. Alcune sono addirittura rattoppate con cemento e mattoni, un'operazione apparentemente arlecchinesca, meno probabilmente botanica."

Nello specifico, la palma caduta, era stata censita da VeritasNews24 tra le decine che maggiormente minacciavano di cadere.

Nessuna svolta alla manutenzione degli alberi, dopo gli scorsi incidenti potenzialmente mortali.
Dato che tali disastri sono stati ampiamente annunciati, sarà ora interessante ascoltare le dichiarazioni delle istituzioni.

Ben più improbabili della caduta degli alberi sui cittadini, sono state infatti le teorie in merito esternate dal primo cittadino Falcomatà, all'epoca del crollo del Ficus: "Oggi si è verificato il crollo di una cosiddetta branca di ramo arboreo sul Lungomare Falcomatà. Nello specifico, la causa va individuata nell'eccessiva differenza di temperatura interna della pianta e le condizioni esterne, particolarmente elevate in seguito ai ripetuti incendi di questi giorni."

Si riuscirà a fare di peggio?

 

 

Last modified on Venerdì, 11 Agosto 2017 21:19

Lascia un commento

Assicurati di inserire le informazioni necessarie ove indicato. Il codice HTML non e' consentito.