COSENZA - Il Presidente della Provincia, Iacucci, a Brescia per le Aree urbane disagiate

Martedì, 14 Novembre 2017 15:30 Published in Calabria Read 13 times
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
79 milioni di euro previsti dal Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate. Oggi a Brescia sono state firmate le convenzioni con i 46 Sindaci delle Città beneficiarie, alla presenza del Sottosegretario Maria Elena Boschi. Tra questi, nella primissima fase, ben 4 Comuni del cosentino sono stati chiamati alle firme. Si tratta dei Comuni di Rende, Aiello Calabro, San Giorgio Albanese e Oriolo. 210 milioni di euro quelli stanziati per le città e per altri Comuni che andranno a scalare una graduatoria cosiddetta a crescita. 
Presente, per l’occasione e insieme ai Sindaci, nella doppia veste di Primo Cittadino di Aiello e Presidente della Provincia di Cosenza, anche Franco Iacucci: «Un giorno importante per i Comuni del nostro Ente e per la nostra provincia», ha avuto modo di dire proprio il Presidente Iacucci subito dopo la firma, entusiasta di un riconoscimento ottenuto per le quattro comunità che egli rappresenta, insieme ai Sindaci in fascia tricolore, lì a Brescia. 
Il piano, incardinato presso il Dipartimento Pari Opportunità e previsto nei “MilleGiorni”, prevede uno stanziamento di risorse destinato ai Comuni. Oggi, come detto, la prima fase. A seguire la graduatoria e gli altri finanziamenti. 
«I Comuni sono la spina dorsale del Paese e rappresentano un’identità culturale da valorizzare e proteggere – ha poi dichiarato Iacucci, a margine dell’incontro e dopo aver incontrato il ministro Boschi. I progetti saranno rivolti al sostegno delle attività scolastiche, alla protezione e all’accoglienza delle vittime di violenza, al sostegno delle esigenze delle famiglie, dei disabili e degli anziani; ma anche alla sostenibilità ambientale, allo stimolo di nuove attività imprenditoriali giovanili e alla formazione, tutte tematiche di grande valenza. Per questo desidero ringraziare il Governo, che ha posto al centro della propria azione la valorizzazione delle città e i territori marginali, per combattere ogni forma di esclusione sociale. Ho voluto essere presente, da Sindaco e in qualità di Presidente – perché siamo impegnati tutti i giorni sul territorio per garantire la riqualificazione dei nostri bellissimi borghi che non possono essere abbandonati». 
Per il Presidente è stata anche l’occasione per rivendicare l’aspirazione di stare ogni giorno al fianco degli Amministratori locali, pur nelle limitate possibilità economiche, al fine di far crescere  il territorio e costruire insieme la “Casa dei Comuni”. «Un risultato – la chiosa del Presidente – che testimonia la valenza e la crescita che, in piccolo, gli Amministratori pubblici della nostra provincia stanno portando avanti. I numeri sono oggettivi e, su 46 Comuni scelti, ben quattro sono splendide realtà della nostra amata terra».

Lascia un commento

Assicurati di inserire le informazioni necessarie ove indicato. Il codice HTML non e' consentito.