MOTTA S.G. (RC) - Cimitero, nidi di grossi insetti volanti nelle volte delle cappelle funerarie, situazione di degrado

Martedì, 12 Giugno 2018 17:13 Published in Reggio Metropolitana Read 224 times
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Volendo ribadire che il  nostro pensare va alla conservazione della memoria e al rispetto dei defunti, abbiamo continuato a svolgere delle visite nei cimiteri della provincia reggina, tra cui, i due cimiteri di Melito, il cimitero di Trunca, il cimitero di Motta SG, di Ciosso ricadente nel Comune di Motta SG, e riscontrato  in quasi tutti i cimiteri delle criticità più o meno gravi, abbiamo provveduto a segnalare quanto rilevato alle Istituzioni competenti per l’adozione dei relativi provvedimenti.

Con note  del 22 settembre 2017 e 2 febbraio 2018  portavamo a conoscenza delle competenti Istituzioni una condizione di degrado e pregiudizio per la salute e l’integrità fisica delle persone, da tempo esistente  nel cimitero di Motta SG, luogo aperto al pubblico, nonché luogo Sacro, determinata dalla presenza, nelle volte di numerosi loculi, di insetti volanti, sterpaglie nelle varie zone del cimitero e scalinate non sicure in quanto i gradini troppo alti e in parte degradati. Colpisce che nelle aree interessate da folta vegetazione e sterpaglie il Comune vi abbia posizionato dei cartelli riportanti la scritta scritta “Vi Preghiamo di Mantenere Decoroso Questo  Spazio destinato per legge a Luogo Comune di sepoltura”.

Con le succitate note si richiedeva l’adozione di interventi adeguati per eliminare i gravi inconvenienti igienico sanitari.

Stante il notevole decorso temporale non sono stati adottati provvedimenti e la situazione si  è aggravata giorno dopo giorno, i nidi sono aumentati e invaso altri loculi e si è registrato lo sviluppo eccessivo di vegetazione, cresciuta addirittura anche sulla parete di pietra all’interno del cimitero e su alcune scalinate.

L’inerzia  dell’Ente comunale ha spinto alcuni proprietari di cappelle funerarie interessati dai suddetti nidi a rimuovere gli stessi con grave pericolo per se stessi, senza comunque riuscire a risolvere la criticità.  

Lo scorso 11 giugno abbiamo sollecitato ancora una volta gli interventi, interessando la polizia municipale di Motta SG, l’ASP di Melito di Porto Salvo e il Prefetto di Reggio Calabria.

 

Vincenzo CREA

Referente unico dell’ANCADIC

Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”

Lascia un commento

Assicurati di inserire le informazioni necessarie ove indicato. Il codice HTML non e' consentito.