RUBRICA ECOLOGIE - Nasce il Giardiniere Bioetico

Lunedì, 22 Febbraio 2016 08:28 Published in Ecologie Read 650 times
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

E se il giardiniere non fosse soltanto colui che ci libera il prato dalle erbacce e che ci pulisce il giardino da ciò che non vogliamo?  Se ci fosse una nuova flotta di giardinieri che, si ponesse come obiettivo cardine del suo mestiere, quello di porsi in ascolto dell’habitat di cui prendersi cura, per poi cooperare con questo, per il massimo benessere globale? Se i principi a partire dai quali, non fossero solo e soltanto la massimizzazione del profitto, ma anche quelli del rispetto della biosfera terrestre? Se tali principi fossero scanditi da un preciso codice deontologico? Se il giardiniere diventasse non più colui cui si affida un pezzo di terra per sistemarlo, ma soprattutto colui o colei, che si impegna a garantire che la missione di quell’ecosistema specifico venga realizzata? Se il giardiniere non fosse, colui che capitozza gli alberi secolari di pregio come meglio può e quando capita, senza la minima conoscenza dei centri Vitali e dei tempi biologici della malcapitata pianta?

Sembra un sogno irrealizzabile, eppure c’è chi ha saputo trasfondere il mondo onirico nella realtà. E che si è anche posto degli obiettivi educativi e informativi per poter aiutare tutti coloro che aspirano a diventare dei veri giardinieri professionisti.

E’ così, che a partire da queste domande, ha preso vita una vera passione ecologica: quella del Giardiniere BioEtico®, ossia il Marchio di qualità per giardinieri.

Un vero progetto Verde che, come dicono gli ideatori, aspira ad essere foriero di un giardinaggio bio+logico, intendendo con questo, la volontà di agire secondo i dettami e le leggi della Natura. Con l’idea di fornire un servizio pratico e formativo, non soltanto a coloro, che aspirano ad acquisire professionalità in questo ambito, ma anche nei confronti dell’utente che non sempre conosce le immense possibilità che può offrire ogni “spicchio green”, al di là della moda del momento. Insomma un’idea interessante e quanto mai attuale, che sta diventando anche una formula vincente di garanzia, nei confronti degli ecosistemi e anche di chi, troppo spesso, è preso in giro, senza potersi difendere!

E’ possibile conoscere meglio questa nuova professione consultando i siti:

www.giardiniere.bio - www.AmicoGiardiniere.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire le informazioni necessarie ove indicato. Il codice HTML non e' consentito.