lunedì 1 Giugno 2020
banner_cer
UNIPACE_OK
gazebi_txt_3600
banner_grande_veritas

Pietà per le maschere autentiche

Amo Feltri e De Luca, maschere autentiche.

Non è colpa loro se, mentre la popolarità del COVID va calando, si mette sul piatto quella del razzismo. E’ una legge inversamente proporzionale, che come termini ha problemi reali e diversivi coinvolgenti.

Scordando che fino a ieri si stendevano tricolori, si ballava “bella ciao”, si ritraeva un’Italia infante in braccio ad un’infermiera, adesso torna in auge l’eterna lottta tra Nord e Sud, e solo perché una delle fantastiche bestie da palcoscenico, che peraltro non si è mai mossa dalle proprie trincee padane, continua a fare quello che ha sempre fatto. Divertirci, sparandole davvero grosse.

Se di questo si tratta, se spettacolo deve essere, lo show di Feltri vale la tessera elettorale rispetto alle uscite a reti unificate di Conte, peraltro incensurabili.

Il razzismo torna dunque alla ribalta, consumato escamotage per tenere l’Italia unita, o meglio politicamente sottomessa alla guida del personaggio affatto serio ed equilibrato che è il premier Conte. Il quale, difendendoci dai fantasmi leghisti degli anni ’90, ci ricorderà le cose buone ed importanti: stendere il tricolore alla finestra e ballare i remix hashtag io resto a casa.

E con la scusa di azzittire un povero vecchio secessionista, magari, nessuno potrà più contestare il giovane “patriota”, promotore del miracolo carcerario che attraversiamo, l’alternativa sana e morale a chissà quale deriva in corso della nostra nazione. Che poi, chiamarla nazione, fino a poco tempo fa, era quasi reato.

Conte, che in nome della perequazione, continuerà a promettere  liquidità, soldi che mai arriveranno: tanto per indebitare il meridione e consegnare definitivamente alle banche (che lo investiranno al Nord come hanno sempre fatto) i piccoli risparmi che costituiscono, giova ricordare, il salvadanaio d’Italia. Talvolta gli odiatori hanno in mano una rosa.

C.M.

 

(Nella foto: Vittorio Feltri mentre accarezza il gatto in posa da Dr.No)