lunedì, Settembre 16, 2019
banner_cer
banner_unipace
gazebi_txt_3600
banner_grande_veritas

REGGIO CALABRIA – Scuola elementare Demetrio Cuzzupoli di Lazzaro, Vincenzo Crea: una certezza, troppe teorie, un pesante silenzio

In questi giorni la “questione scuola” di Lazzaro è al centro del dibattito pubblico. Al momento l’unica certezza è il temporaneo non utilizzo della scuola elementare Demetrio Cuzzupoli di Lazzaro e il trasferimento degli alunni presso la scuola dell’Infanzia e la scuola Media. Mentre alcuni sostengono che questa scelta sia dovuta a problemi strutturali dell’edificio e alla necessità di eseguire importanti lavori, si fa strada un’altra e completamente diversa teoria. Nel “Quotidiano del Sud” dello scorso 11 settembre il gruppo di minoranza Valore Comune, rappresentato dall’ex vicesindaco Giuseppe Benedetto, sostiene che la decisione sia dovuta a motivi prettamente economici: la diminuzione del numero degli iscritti avrebbe portato alla scelta di non utilizzare due edifici, la scuola dell’infanzia di Motta e quella elementare di Lazzaro per contenere i costi in un Comune già in dissesto economico. Nulla nell’articolo si legge in relazione  a lavori, interventi e sicurezza dell’edificio. Il Sindaco invece, nel corso di una riunione tenutasi il 9 settembre con i genitori degli alunni interessati, ha parlato di importanti lavori da eseguire nella scuola. Dove sta la verità?

Un dato è certo: nel dispiegarsi di varie e diverse teorie, il Comune, dopo una settimana non ha ancora diramato una nota ufficiale in cui spieghi alla popolazione tutta, visto che la scuola è un bene comune, le motivazioni ufficiali che hanno spinto a compiere questa scelta. Anche in questo importante caso l’Amministrazione comunale ha deciso di chiudersi dietro ormai il solito e noto silenzio: è questo che merita la popolazione?