giovedì 27 Febbraio 2020
banner_cer
UNIPACE_OK
gazebi_txt_3600
banner_grande_veritas

REGGIO – Continua l’azione politica di associazioni e famiglie per rivendicare l’esigibilità del diritto fondamentale negato.

Si chiedono, ancora, all’Amministrazione Falcomatà  risposte concrete sia per assegnare gli alloggi alle famiglie che ne hanno bisogno, che per dotare  il settore erp delle risorse necessarie.

In cinque anni l’Amministrazione Falcomatà ha completamente ignorato la politica degli  alloggi popolari, scegliendo di progettare solo sull’ housing sociale, ma senza concludere nulla neppure per questa misura, che si rivolge a famiglie con reddito più alto rispetto a quelle ERP.

Vorremmo capire se nel  piano del fabbisogno del  personale, da poco approvato, la Giunta abbia previsto l’aumento del personale per il settore di edilizia residenziale pubblica rispondendo alle esigenze oggettive di questo ambito e alle richieste  della dirigente F. Squillaci.

Da considerare che il funzionamento del settore erp dipende anche dall’operato di  altri settori comunali  quali Manutenzione, Polizia Municipale, Finanze,   Hermes  e pure  dal loro  coordinamento.

Ma è mancato sia l’operato degli altri settori che il relativo coordinamento.

Le associazioni ed i movimenti, in questi giorni,  hanno chiesto un incontro  all’Amministrazione Falcomatà, a tutti i settori comunali coinvolti  ed al Prefetto per chiedere il cambiamento della politica abitativa  attraverso provvedimenti concreti.

E’ veramente molto grave che, mentre delle famiglie povere ogni giorno vengono sfrattate rimanendo sulla strada, il Comune non abbia ancora pubblicato la graduatoria delle istanze di emergenza abitativa che serve per avviare le assegnazioni. L’istruttoria delle istanze è stata avviata solo  a  gennaio 2020 con grave ritardo, in quando le famiglie hanno cominciato a presentare le domande  già nel mese di aprile 2018.

Intanto il prossimo 20 febbraio  un’altra famiglia con minori verrà sfrattata.

L’Amministrazione Falcomatà continua a dire che non ci sono alloggi da assegnare,ma nello stesso tempo  non  provvede ad attuare  le azioni che consentirebbero  di ottenere gli alloggi necessari.

Non provvede ad effettuare, come prevede la normativa,  le verifiche sulla permanenza dei requisiti degli assegnatari  sui 7000 alloggi popolari. Intanto ogni giorno si liberano alloggi che il Sindaco dovrebbe  riassegnare alle famiglie che ne hanno diritto a cominciare da quelle che hanno vinto il bando 2005. Ma  a causa della negligenza comunale  questi alloggi vengono puntualmente occupati senza titolo, anche da famiglie che non ne hanno bisogno.

Il Comune ha la possibilità di assegnare circa 160 alloggi che si possono acquistare con un finanziamento, ma  il progetto non viene portato avanti. Difatti, dopo aver accettato  il 30 settembre scorso la richiesta di ripristino del finanziamento di 11 milioni del Decreto Reggio per l’acquisizione di nuovi alloggi popolari presentata con una petizione popolare, l’Amministrazione da mesi non fa nulla per sollecitare la risposta del Ministero,  che ha già dato un parere positivo.  Dopo la risposta del Ministero il Comune potrebbe  acquistare gli alloggi e subito dopo assegnarli.

E’ fermo da settembre 2018 il progetto dell’ex Polveriera,  che ha portato alla dislocazione abitativa di 16 famiglie e che dovrebbe dislocare le altre 16  rimaste nelle baracche accanto a montagne di rifiuti.

Di fronte a questa situazione si chiede all’Amministrazione Falcomata di attuare tutte le azioni necessarie