domenica 23 Febbraio 2020
banner_cer
UNIPACE_OK
gazebi_txt_3600
banner_grande_veritas

REGGIO – Sequestro gazebo Sottozero, lo sgomento dei titolari: “abbiamo pagato”

Ancora una volta sigilli al gazebo della gelateria Sottozero. A causa di un presunto ritardo nei pagamenti, la Polizia Municipale ha chiuso, ieri, la piattaforma esterna dell’attività. I titolari, dal canto loro, smentiscono:

“Non è vero che siamo in ritardo con i pagamenti – spiega Tito Pennestrì ai colleghi della Gazzetta del Sud – Ho dato tutto in mano al mio avvocato. Mi sono stancato di combattere. Diamo fastidio a qualcuno? Che lo dicano e noi chiudiamo e togliamo il disturbo”.

Duro sfogo dovuto anche al fatto che lo stesso episodio era già avvenuto lo scorso anno (in quel caso, il sequestro è durato solo poche ore, in quanto la rinomata gelateria è riuscita a dimostrare il rispetto delle prescrizioni imposte dal Comune).

“Siamo perfettamente in regola, abbiamo inviato agli uffici comunali una mail certificata che attestava gli avvenuti pagamenti. Non riesco a capire perchè ce l’abbiano con noi. Mi piacerebbe – conclude il figlio, Enzo Pennestrì – fuggire subito da questa città dove ti viene impedito di lavorare, di crescere e di fare impresa”.