CORONAVIRUS: CREDITO IMPOSTA 60% SULLE LOCAZIONI DI MARZO NON PER TUTTI.

Recentemente il Governo ha emanato un Decreto Legge per aiutare le aziende colpite dall’emergenza CORONAVIRUS e costrette, per decreto o per necessità di mercato, a chiudere temporaneamente, si spera, i battenti.

 

Una delle agevolazioni consente di usufruire di un credito di imposta, pari al 60% del canone di locazione per il mese di marzo, per i soli immobili accatastati con categoria C/1. Nonostante il decreto parli di NEGOZI e BOTTEGHE molti di questi non potranno usufruire dell’incentivo.

Si tratta principalmente delle attività artigianali che possono svolgere la propria attività anche in locali accatastati C/3, ma anche di scuole private (utilizzano immobili A/10), attività ricettive (hotel, alberghi, b&b, affittacamere) utilizzano di solito immobili D/2 e poi teatri e cinema (D/3) palestre (D/6) professionisti e sicuramente altre categorie imprenditoriale.

L’auspicio è che il Parlamento corregga, in fase di conversione del DL, questa “dimenticanza” consentendo, a tutte le categorie imprenditoriale, di poter usufruire dell’aiuto. Anche se lo stesso da solo sembra insufficiente ad aiutare attività economiche che difficilmente recupereranno il fatturato perso durante questa Pandemia.

 

B.M.