lunedì 27 Gennaio 2020
banner_cer
UNIPACE_OK
gazebi_txt_3600
banner_grande_veritas

CROTONE – Pallamano

Dopo la positiva prestazione offerta in casa della capolista Fidelis Andria la Pallamano Crotone affronta la seconda trasferta consecutiva in terra pugliese e fa visita all’Altamura. Partita non certo semplice, ma neanche impossibile che la squadra allenata dal tecnico Antonio Cusato può portare a casa ma solo se gioca al massimo delle proprie potenzialità, come fatto nel primo tempo nella scorsa settimana. Se i rossoblù dovessero ripetere e tenere per l’intera gara il ritmo e la concentrazione dei primi trenta minuti disputati ad Andria allora possono pensare di battere l’Altamura e non solo. Sabato sera sul parquet dunque deve andarci una squadra aggressiva, ma più di ogni altra cosa una squadra concentrata nella fase offensiva. Sono troppi i palloni persi con estrema superficialità e soprattutto sono troppi i tiri sbagliati dalla sei metri, troppi i tiri sbagliati a tu per tu con il portiere che alla fine della partita fanno la differenza. Non mettere in rete almeno cinque chiare occasioni da gol a coronamento di azioni costruite e con schemi ben eseguiti alla fine nel tabellino finale si sentono, e come se si sentono se l’avversario vince con pochi gol di scarto. Per la Pallamano Crotone quella di sabato è un’occasione da sfruttare per ottenere la prima vittoria in trasferta perché la squadra è in crescita, è in salute e soprattutto per questa partita potrebbe contare su qualche elemento in più libero da impegni di studio e/o di lavoro. Servirà una buona pallamano per fare propria la gara, ma pur di ottenere la vittoria i giocatori crotonesi sono pronti a disputare una partita brutta sporca e cattiva, se serve per ottenere la piena posta in palio.