lunedì, Dicembre 9, 2019
sposnor2019_loc
banner_cer
UNIPACE_OK
gazebi_txt_3600
banner_grande_veritas

LIMBADI (VV) – Servizi anticaporalato

Chiusa un’azienda agricola/zootecnica e passate al setaccio due attività commerciali. La saracinesca è stata abbassata ad un’azienda che fa capo alla famiglia di ‘ndrangheta dei Mancuso a cui viene addebitata l’attivazione e la conduzione di deposito derrate alimentari, nonché carenze igienico sanitarie e mancanza di notifica della Scia (in base all’art.6 c.3 e c.5 del D.Lgs.193/2007 in violazione al Reg CE 852/2004). Amministratore unico dell’azienda è un figlio di Mancuso Giuseppe detto “Peppe ‘mbrogghia” cl. 1949, detenuto in regime carcerario 41 bis, capo di una delle articolazioni ‘ndranghetiste di Limbadi. I Carabinieri del Nas, infatti, hanno riscontrato che all’interno della struttura in questione c’era un deposito di derrate alimentari in carenti condizioni igienico strutturali, nonché carenze documentali, visto che mancava la Scia/Dia sanitaria. Dunque è stata disposta la chiusura/sospensione dell’azienda; quanto oggetto di vincolo ammonta a circa 75mila euro. Per altre due attività commerciali controllate (nello specifico due generi alimentari), in una è stato accertato un lavoratore in nero e, pertanto, rilevate violazioni amministrative per circa 3mila e 600 euro.

La minuziosa attività di controllo – di cui sono titolari i Carabinieri – rientra nei servizi disposti dalla Divisione Unità Specializzate del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, nell’ambito del programma “Anti caporalato 2019”.